domenica 20 gennaio 2019

Amazon ed il Nasdaq

L' Immagine contiene i grafici dell' azione Amazon e del Nasdaq100.
La trendline a medio in giallo di Amazon mostra una incertezza della
crescita dei profitti nel 2.017, incertezza che poi è stata superata dal
miglioramento della redditività dell' azienda.
Verso la fine 2018 il Trend a Lungo 2 sia su Amazon che sul Nasdaq
era in leggera discesa, quindi in divergenza segnalando una situazione
di ipercomprato.
L' ipercomprato era anche evidenziato anche dal forte aumento della
distanza tra la trendline a medio e quella a lungo.
Il successivo aggiustamento era quasi inevitabile e per in Nasdaq100
è diventato un inizio di correzione per tutti i problemi che conosciamo.
Va comunque sottolineato che Amazon si è comportata meglio del
Nadaq100 che è l' indice che la contiene.


lunedì 14 gennaio 2019

Apple ed i concorrenti

Apple è una società campione di innovazione, qualità ed alta profittabilità
che attira concorrenti come Huawey e Xiomi che di recente sono cresciuti
anche a scapito di Apple, che ha perso quota di mercato.
Inoltre Qualcomm di recente ha costruito il processore 855 di alta gamma
con prestazioni superiori a quello di Apple che deteneva il primato.
Tutto questo ha portato ad una contrazione delle vendite di Iphone Apple
ed una conseguente caduta del titolo AAPL come evidenziato dal grafico
dove anche a Trend Line a Lungo termine 5 dà segnali di affaticamento.
I Trend a Lungo Termine, che avevano individuato il massimo del titolo,
vedono complessivamente la possibilità di ulteriori ribassi ed anche nell'
ultima seduta di venerdì 11 gennaio Apple è andata peggio del Nasdaq.










martedì 8 gennaio 2019

Gli obiettivi del rimbalzo dell' SP500

Come riportato nel precedente post il Trend a Lungo 2 aveva intercettato
con precisione il recente minimo da dove l' SP500 era rimbalzato.
In questo post riporto quelli che sono i principali obiettivi/resistenze del
recente rimbalzo calcolati dal Trading System.
Primo obiettivo/resistenza è a 2.630 punti fino dove l' SP500 si trova in
area di accumulazione, poi 2.690 punti dove il MACD a medio termine
darebbe un segnale rialzista ed infine 2.800 punti dove l' indice rimane
allineato ad alcuni precedenti massimi.
Naturalmente il trading system vede sempre l' area dei 3.000 punti nelle
speranze degli investitori però qui le probabilità sono ridotte.


domenica 6 gennaio 2019

SP500 ed FTSEMIB

Venerdì 4 gennaio è salito tutto sia le azioni ed i rendimenti delle
obbligazioni a 10 anni US sono salite del 4,46 anche se Powell ha
promesso prudenza nel rialzo dei tassi della FED.
Osserviamo allora i grafici dell' SP500 e dell' FTSEMIB dove
notiamo che siamo su un rimbalzo del Trend a Lungo 2.
Il Trend a Lungo 2 ha un supporto che non è molto significativo,
soprattutto se associato a degli spread in rialzo.
Ecco perchè nel grafico riporto anche il Trend a Lungo 3 che ha
un supporto inferiore, ma più importante del Trend a Lungo 2.


martedì 1 gennaio 2019

SP500 2018 e 2007

La borsa è molto variabile come le situazioni politiche economiche che non
sono mai le stesse perchè il mondo si evolve.
Quindi non è facile individuare delle indicazioni standard che ci permettano
di capire quando ad esempio siamo su un massimo di borsa.
Però gli oscillatori a medio e lungo termine che riducono la volatilità ed i cui
massimi anticipano i massimi che rallentano come una gaussiana sul massimo
ci possono aiutare.
Nel grafico allegato applico un paio di oscillatori, il Trend ed in MACD, ai
massimi del 2.007 e del 2.018 ed osservo che in entrambe i casi sui massimi
di periodo si verifica una divergenza con i massimi precedenti.
Inoltre quando sul massimo dell' SP500 l' oscillatore Trend a Lungo raggiunge
solo il valore di 94 ed anche l' oscillatore MACD raggiunge un valore inferiore
al precedente massimo siamo su un massimo storico.
Questo vale almeno nel 2.007 mentre per il 2.018 siamo in attesa di conferme.
Buon anno a tutti e chi ha orecchie per intendere intenda, gli altri attendano.