venerdì 3 luglio 2015

Europa: quando mettiamo assieme gli spread?

Il discorso sulla Grecia ci sta interessando fino ad annoiarci da 6 mesi anche
perchè i Greci, che hanno uno stato spendaccione, resistono ad applicare delle
riforme che altri paesi come il nostro sta sviluppando.
Mentre dall' altra c'è un Europa che ha una struttura finanziaria frammentata,
come dimostra la prima riga della tabella, dove la BCE supplisce alle carenze
di integrazione tra i vari stati.
Una struttura finanziaria con i bond diversificati per stato premia i più forti ma
lascia nei problemi i più deboli che non vedono vantaggi nell' appartenere all'
Europa, è una struttura finanziaria che sembra neo coloniale.
Purtroppo l' Europa, dal punto di vista dell' organizzazione dei Bond, non offre
un quadro armonioso di sviluppo anzi ha delle caratteristiche che incentivano l'
Euro scetticismo perchè aumenta i privilegi dei forti e non aiuta i deboli.
Con gli Euro Bond che fonderebbero gli spread dei paesi in un tasso Europeo si
supererebbero alcuni squilibri neo coloniali tuttora in corso.
Essendo un signor nessuno posso liberamente esprimere le mie opinioni, saluti.


Nessun commento: