mercoledì 6 maggio 2015

Il peccato originale dell' Euro

Come tutti sappiamo l' Euro è nato come moneta comune però senza una
politica comune e questo lasciar fare ai singoli stati ha contribuito alle
attuali differenze di sviluppo economico e di rapporto debito PIL dei vari
paesi che compongono Eurolandia.
Il rapporto debito/PIL complessivo dei paesi dell' Euro è il 91,9% quindi
senza preoccupazioni ma con squilibri tra i vari paesi.
Il rapporto debito/PIL il Germania è al 74,7% ed in Italia al 132,1%.
Bravi i tedeschi ad approfittarsi dell' Euro ma pessimi gli Italiani dove la
politica e lo stato hanno preso il sopravvento sull' economia.
Ma la punta dell iceberg  è la Grecia dove il rapporto debito/PIL è 177,1%
e rientrare da tale debito per il paese non è obiettivamente facile.
Le trattative con la Grecia sono in stallo perchè i Greci resistono sulle
riforme ed i creditori, BCE FMI ed UE, a ragione non desiderano tagliare
ulteriormente il debito Greco.
Ma un creditore che presta soldi avventatamente è anche lui colpevole
delle perdite a cui andrà incontro perchè è stato incauto.
Ovviamente per risolvere questa situazione ci sono diverse alternative:
1) La Grecia applicare le riforme in precedenza concordate.
2) La Grecia esce dall' Euro, evento infausto e dalle conseguenze incerte.
3) La Grecia concorda le riforme ed  in cambio i creditori accettano un
    nuovo taglio del debito Greco riparando così al peccato originale dell'
    Euro ed aprendo la strada all' unione politica.
Ovviamente altri paesi potrebbero essere interessati a questa formula, ma
come sempre lasciamo ai posteri l' ardua sentenza.

.

Nessun commento: