venerdì 9 maggio 2014

Il ribasso FIAT

La FIAT ha presentato un piano industriale ambizioso che
dal mio punto di vista è tendenzialmente credibile.
Prendiamo i casi Maserati ed Alfa, la Maserati che due anni
fa vendeva circa 5.600 auto ora ne sta vendendo in ragione
annua circa 42.000.
I prossimi nuovi modelli, simili nella tecnologia agli attuali,
molto probabilmente aumenteranno le vendite.
L' Alfa 4C sta vendendo più del previsto e sta arrivando
la splendida Syder e sono previste versioni più potenti.
Il Manager di Maserati ed Alfa è lo stesso e quindi come
2+2 fa 4 il successo dei due piani di sviluppo è possibile.
Altri marchi come il mitico Jeep stanno andando benone
ed allora dov'è il problema che ha portato al ribasso?
Bene, per attuare i piani servono molti soldi e lo sbarco a
Wall Street sa molto di aumento di capitale per finanziare
lo sviluppo dell' azienda perchè l' autofinanziamento per ora
ad alcuni risulta insufficiente.
Poi osservando il grafico notiamo che il trend è stato tanto
entusiasta da rompere alla fine al rialzo la Banda Superiore
di oscillazione.
Inoltre il Frattale a Lungo segnalava divergenza ribassista
da due mesi, ma state sereni che sull' FTSE MIB il Frattale
a Lungo segnala divergenza ribassista da un solo mese.


Nessun commento: