venerdì 14 marzo 2014

Un aggiustamento o una correzione?

Il Blog è cash perchè il Trading System del Bog è 3 volte più
veloce dell' analisi tecnica classica,infatti questo TS utilizza le
funzioni statistiche avanzate presenti anche in Excel..
Quindi quello che sta accadendo non ha impatto sui profitti
realizzati e sottolineo che 10 giorni fa avevo scritto che fino
all' 11 marzo Wal Street avrebbe tenuto.
Tutto ciò conferma che questo Trading System è strutturato
per investire comodamente seduti in salotto e senza ansie.
Ora quando inizia un movimento di ribasso ci si chiede se sta
iniziando un aggiustamento attorno al 5% o una correzione
superiore al 10%.
I problemi sul tappeto sono almeno 3 : i tassi US che dal
dal luglio 2013 sono saliti, la Cina che mostra di nuovo segni
di rallentamento e la Russia che di fatto ha invaso la Crimea.
Osserviamo allora negli indici l' impatto di questi eventi.

FTSE MIB: c'è grande entusiasmo perchè Renzi vuole ridurre
le tasse e mantenere gli impegni con la UE che deve cambiare.
Ma fino a che la UE non sarà cambiata non possiamo sapere
quali siano gli impegni da mantenere e non sappiamo se Renzi
e quindi noi avremo i circa 90 miliardi di Euro del suo piano.
Certo di costi pubblici da ridurre ce ne sono molti quindi si può.
Nel nostro FTSE MIB ieri gli indicatori erano peggiorati mentre
oggi sono finiti tutti in negativo malgrado il deciso rimbalzo dal
minimo di giornata, volatilità?
Bisogna anche considerare che il Ciclo a Medio è ancora nell'
area positiva e che tra i massimi ed i minimi del Frattale si può
intravvedere il disegno di un triangolo, quindi niente è definitivo.












Il DAX ieri è rimbalzato dopo che il Frattale a Medio termine
aveva toccato lo zero ed ha chiuso a +0,43% consolidando la
perdita del 7% dal massimo 17 gennaio 2014.
Siamo ancora nell' area di un aggiustamento.
Ma attenzione che ora massimi e minimi hanno una inclinazione
discendente e quindi bisogna essere cauti su un rimbalzo anche
perchè il DAX è esporta molto in Russia ed in Cina.














L' SP500 nell' ultimo anno e mezzo ha messo a segno un rally quasi
perfetto aiutato dall' espansione del debito pubblico US acquistato
in parte dalla FED ed anche in parte dalla Cina e così via.
Nel grafico del rally notiamo che le Bande di Bollinger nel massimo
dell' SP500 avevano raggiunto un massimo di espansione ed ora si
stanno contraendo e nello stesso tempo il segnale del Trend Composito
è diventato negativo.
Dal recente massimo ha perso solo il 2% ma non ci sono segnali di
inversione e quindi la maggiore probabilità è che scenderà ancora.




La Cina è in una fase di correzione con i segnali statistici ribassisti ed
il Ciclo a Medio sullo zero.
Se rompe la linea dello zero si va verso un minimo più basso 2014.


E per finire l' oro che mantiene la sua impostazione di tendenza
positiva a e conferma il segnale Long anche se Paulson non è
proprio d' accordo.
Bisogna seguire giornalmente per captare subito i cambiamenti.












Nessun commento: