sabato 5 gennaio 2013

"Rimbalzellum" dell' Euro/Dollaro

I dati positivi di ieri sull' occupazione Americana hanno incoraggiato gli
investitori a rafforzare le borse ed i Carry Traders anche l' Euro.
Però, se la FED vorrà aiutare Obama ed il Congresso a contenere il costo
del settore pubblico per rallentare l' espansione del debito dovrà rallentare
ulteriormente l' emissione di moneta. Quindi la partita è tutta da giocare.
Il cambio Euro/Dollaro è rimbalzato ma non è uscito dall' area negativa.









L' FTSE MIB è sui massimi come quasi tutti gli indici e continua ad
essere in divergenza con il cambio Euro/Dollaro.
Questo è evidenziato nei Segnali di Ciclo del precedente grafico.












Il DAX è sui massimi con un inizio di lateralità.








L' SP500 è su un doppio massimo con un valore analogo a quello di
metà settembre 2013, circa 4 mesi fa.



Infine la Cina che tende alla riconquista dei 24.000 punti, Carry Traders
permettendo, inoltre ci sono tanti promotori finanziari che la consigliano.


 
 
 

Nessun commento: